Lonely Planet: guide di viaggio

Lonely Planet: le guide di viaggio

Le guide Lonely Planet sono delle guide per viaggiatori indipendenti che includono tutte le informazioni per chi decide di vivere la propria esperienza senza tour operator o guide organizzate, on the road, al loro interno si possono trovare tutte le informazioni di cui necessita un viaggiatore come i luoghi da visitare, dove dormire, dove mangiare, ecc..

Un po’ di storia

Lonely Planet nasce dall’idea di Tony e Maureen Wheeler che dopo un viaggio, che li ha portati ad attraversare via terra Europa ed Asia per giungere in Austrialia, decidono al ritorno di mettersi seduti e scrivere la loro prima guida di viaggio intitolata “Across Asia on the cheap” nel 1772. Ai nostri giorni Lonely Planet vanta diversi uffici sparsi per il mondo e 600 dipendenti, oramai una realtà affermata che cerca di rimanere fedele alla visione dei suoi fondatori che pensavano che una guida di viaggio dovesse ‘informare, educare e divertire’.

Caratteristiche

Le guide hanna una struttura ricorrente:

  1. Pianificare il viaggio In questa sezione si possono trovare tutte le informazioni macroscopiche come la presentazione del luogo, la Top dei migliori posti, gli itinerari, gli eventi e le feste, consigli per chi viaggia per bambini, ecc.
  2. Visitare La sezione più grande della guida ovviamente in cui vengono illustrate in dettaglio le diverse mete dalla storia ai luoghi da non perdere, che cosa vedere (con inclusi orari di visita, prezzi dei biglietti e contatti del luogo), luoghi in cui andare a mangiare e locali oltre a una sezione su dove andare a dormire nei dintorni
  3. Conoscere Questa è una parte della guida che io adoro, qui si parla delle località viste sotto l’aspetto storico, sociale, economico e artistico: abitanti, storia, arte, architettura e il luogo ai nostri giorni. 
  4. Guida pratica Qui risiedono informazioni molto interessanti come i trasporti, assistenza sanitaria, accessi ad internet, usi e costumi dei luoghi per evitare spiacevoli inconvenienti ed informazioni per i viaggiatori omesessuali

La mia esperienza

Da molto tempo ormai ogni mio viaggio è accompagnato da una guida Lonely Planet, ho l’abitudine di studiarla un po’ prima di partire per capire cosa voglio visitare e magari qualche ristorante tipico in cui poter assaggiare piatti locali (adoro scoprire i luoghi attraverso i loro sapori!).

laugh

Se il mio viaggio prevede più tappe è fondamentale che sappia come muovermi e dove andare per evitare di perdermi qualcosa che mi rimpiangerei di non aver visto, quindi faccio una lista in base al mio interesse di ciò che voglio vedere e da lì parto stilando una sorta di programma di viaggio (anche se è solo una bozza e spesso capita che venga totalmente stravolto). 

In questo caso la guida è determinante senza dovrei andare a cercare su internet vedere diversi siti, capire dalle diverse recensioni cosa fa al caso mio non sapendo se quanto trovato sia esaustivo.

Durante il viaggio uso la guida per scovare ristoranti o negozi vari segnalati, orari e prezzi dei biglietti o sito internet da consultare per info, non l’ho mai usata per trovare da dormire ma nella vita non si può mai sapere cosa ci aspetta magari in futuro mi sarà utile anche questa sezione.

In generale penso che la guida Lonely Planet sia molto utile anche se a volte ho trovato che la volontà di mettere proprio tutti i luoghi presenti magari ci porti in posti che non siano proprio molto interessanti, ma nel complesso io sono una loro fan e ho sempre con me una delle lore guide, quindi che dire? Ottima e utile!

Se hai voglia di scoprire anche tu come è una guida Lonely Planet puoi decidere di acquistarne una per il tuo prossimo viaggio: Lonely Planet

Silvia Amici

Ho una passione smodata nel visitare ed esplorare nuovi posti, che siano vicini a me o lontani non fa differenza, adoro la fotografia, amo la natura, la storia e la cucina. Questo blog racchiude un po’ tutte queste passioni in un unico posto.